La ricerca e selezione di un agente di commercio. Pagamento a successo

La selezione di un agente di commercio

Perché è diverso fare selezione di un agente di commercio rispetto ad un dipendente? Bella domanda! Ed è la stessa domanda che mi pongono spesso tante aziende clienti.  Oramai mi occupo di risorse umane da oltre 10 anni ed in particolare di selezione agenti e venditori. Credo che la vera differenza tra la seleziona di un dipendente o la ricerca di  un agente stia proprio nella strategia di recruitment.

Un classico progetto di recruitment  di un dipendente, ad esempio un Export Manager, parte sempre da un brief puntuale: chi è l’azienda, qual è la visione e i valori, qual è il profilo ricercato in termini di formazione, background, competenze ed esperienze maturate; qual è lo scopo della posizione, quali le  attività principali, a chi si rivolge sia all’interno dell’azienda che esternamente, a chi riporta, chi eventualmente coordina, quali prospettive di carriera e $ , ovvero quanto guadagnerà (in termini di ral, inquadramento, mbo e benefit vari). Avendo capito il profilo da ricercare (che secondo me è l’aspetto più importante di una selezione) si parte! Il processo di selezione è  abbastanza classico, tra annunci, database, headhunting, si iniziano a valutare un buon numero di candidati per poi arrivare ad una rosa interessante di profili da intervistare (ma non mi dilungo, visto che vorrei parlare di selezione agenti). Sul fronte “selezione agenti”, invece, la strategia cambia radicalmente; intanto in fase di briefing le informazioni non sono le stesse; l’azienda parlerà più in dettaglio di area, fatturato esistente e portafoglio clienti  attivi oppure di zona da sviluppare. L’offerta economica sarà ben diversa! Anziché parlare di  Ral, si ragionerà in termini di monte provvigioni, affidamento parco clienti o anticipo  provvigionale; in certi casi, spesso quando la zona è da costruire ex novo, l’azienda prevederà un fisso mensile per un periodo di avviamento (che in molti casi può essere anche abbastanza lungo). Ma veniamo al bello! Ossia come ricercare e selezionare un “bravo” agente di commercio. Qui l’approccio classico, ovvero annuncio e ricerca cv su database
funziona abbastanza poco (ovviamente con le dovute eccezioni). Gli agenti bravi sono troppo  impegnati per trovare il tempo di rispondere agli annunci e sanno anche che facilmente saranno “corteggiati” dalle aziende del settore. Qui, dalla mia esperienza, l’unica strategia di selezione che funziona è l’headhunting, ossia la ricerca diretta; infatti non esistono (per la mia  esperienza, ma sono pronto a fare scommesse, database di agenti seri e qualificati; bisogna  “stanarli” attraverso una vera e propria “caccia” (spesso i migliori agenti li troviamo attraverso colleghi o area manager del settore o dietro suggerimento dei clienti finali). Una prima  intervista telefonica, propedeutica al colloquio di persona, è sempre veloce ed incentrata su pochi punti chiave (difficile che un agente ci conceda più di 10 minuti, visto che essendo un libero professionista è anche attento alla gestione del “suo” tempo); al telefono si cercherà di capire che aziende ha rappresentato nella sua vita professionale, cosa vende, a chi vende
(importante capire il target di riferimento!), in che area opera, quanti clienti gestisce, che fatturato sviluppa (molto difficile scoprirlo in prima battuta), quante visite fa al giorno (magari farsi dare anche qualche referenza) e soprattutto perché valuta nuovi mandati complementari (se è un plurimandato) o alternativi (se è un monomandatario e vuole cambiare azienda);
tutte queste informazioni è veramente difficile “tirarle” fuori al telefono in poco tempo, ma bisogna provarci, ed ottenerne una buona parte. Conclusa questa fase (a volte un agente non ha neanche un curriculum da spedirci) si passa al colloquio vero e proprio di persona, che è molto importante per capire quella che è la sua reale esperienza professionale, le sue capacità in termini di empatia, comunicazione, presentazione, ascolto, gestione delle obiezioni. Valuteremo anche se sa porre le “giuste” domande (immaginando di essere il cliente), se è dinamico e proattivo, se ha un approccio da “problem solver”, se sa organizzare
il suo tempo, se sa fare forecasting ed ha capacità analitiche. In sintesi se è un “bravo”  agente! Ma soprattutto se è realmente interessato al progetto dell’azienda nostra cliente. E’ un percorso difficile, pieno di ostacoli e sorprese, ma certamente molto sfidante; ogni nuovo  progetto è sempre una bella sfida, purché non sia una “mission impossible” 😉

P.s. siamo così convinti di essere bravi e professionali che lavoriamo a successo

Se volete conoscere Sales Line qui trovate il nostro company profile:
www.salesline.it/pdf/Sales_Line_Company_Profile_IT.pdf

Benedetto Caramanna

Sales Line srl
Strategia, Vendite, Profitto

via Sansovino 30
20133 Milano
telefono: + 39 0297373313
fax: + 39 0270033588
website www.salesline.it
email benedetto.caramanna@salesline.it
Sales Line è una società autorizzata dal Ministero del Lavoro
per la ricerca e selezione di personale (Prot. n. 13/ I / 0016778 / 03.04)